Sblocco di 15 mln di euro: Italia in Comune Puglia pronta a dar battaglia “Una manovra iniqua ed elettorale”

0
293

Il Viminale ha fatto sapere di aver sbloccato poco meno di 15 milioni di euro in favore di 210 comuni della Puglia. Si tratta di fondi per la messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici, che saranno utilizzabili dagli Enti locali con meno di 20mila abitanti.

Quella che potrebbe apparire una buona notizia nasconde, in realtà, un’altra faccia della medaglia. Sì, perché, per esempio, per la sola Puglia, sono ben 48 i comuni esclusi. A denunciarlo sono gli amministratori di Italia in Comune Puglia, con sindaco Davide Carlucci in testa: “Leggendo il bollettino diramato dal Viminale, mi assalgono una serie di dubbi: ma questi fondi per i comuni con meno di 20mila abitanti non erano stati già inseriti nella finanziaria? E perché sono esclusi automaticamente i capoluoghi di provincia e, in genere, tutte le realtà sopra i 20mila abitanti? Forse perché storicamente i comuni più popolosi sono a sud e, in questo modo, si discrimina indirettamente (e ancora una volta) il meridione? Non si capisce, inoltre, perché questo provvedimento sia stato annunciato dal ministro dell’Interno Salvini che non ha competenze a riguardo. O meglio, si spiega, con la natura tutta politica di questo atto!”.  Ed, effettivamente, a guardare la mappatura dei comuni beneficiari, su 6834 comuni ci sono ben 4163 del centro nord (61%) e 2671 del centro sud (39%) (con il Lazio, l’Abruzzo, il Molise e la Sardegna calcolati a sud).  Una sproporzione, insomma, evidente, il commento tra le fila di amministratori e iscritti Itc Puglia.

Da Giovinazzo a Bitonto, da Acquaviva a Corato, Mola di Bari e Triggiano, la lista degli esclusi è lunghissima e ‘trasversale’ a tutte le province: nella Bat, spuntano Bisceglie e Canosa, a Foggia, Manfredonia, Cerignola, Lucera, S.Severo nel tarantino, Martina Franca e Ginosa, nella regione salentina Casarano, Gallipoli, Copertino, Mesagne, solo per citarne alcuni che si aggiungono ai sei capoluoghi.

Come se questi comuni non avessimo gli stessi problemi (anzi anche di più) di scuole fatiscenti, strade dissestate, spopolamento– ha continuato il sindaco di Acquaviva delle Fonti e presidente provinciale per Bari- Solo in questi comuni sono concentrati più di 1,4 milioni di abitanti. Più un altro milione sono quelli che risiedono nei capoluoghi per un totale di circa 2,5 milioni di pugliesi che sono esclusi senza una giustificazione dal provvedimento, a fronte di 1 milione e mezzo dei cittadini che, invece, ne godranno i benefici. Facendo un rapido calcolo in termini percentuali, più del 60% dei cittadini sono quelli non interessati dalla decisione del nostro Governo. A noi pare che la logica sia tutta politica: con tale meccanismo, infatti, vengono ‘accontentati’ un maggior numero di amministratori, soprattutto nel nord, come detto, ma un numero nettamente inferiore di cittadini reali fruitori di quei servizi. Ci pare, insomma, l’ennesimo proclama, uno specchietto per allodole di un Governo che non pensa al reale benessere collettivo, una manovra elettorale che tende a mettere i Comuni gli uni contro gli altri per l’accaparramento di misere risorse, creando, ancora una volta, cittadini di serie A e cittadini di serie B e penalizzando i pugliesi che vivono in centri medio-grandi, ovvero proprio quei centri che devono far fronte a esigenze più complesse”.

“Mi spiace ma noi, pur contenti per quegli amministratori che avranno accesso a nuove risorse, non riusciamo a esultare per una notizia che viene data in maniera parziale. I dati vanno letti in maniera oggettiva e completa. Quello che il Viminale omette è che per quanti cittadini beneficeranno di nuovi servizi, ve ne sono altrettanti, anzi molti di più, per i quali le cose rimarranno assolutamente invariate. Peraltro, come detto, con un evidente ‘pendenza’ del piatto della bilancia in favore di una porzione d’Italia e a danno dell’altra. Come sempre, constatiamo che l’Italia va avanti a due velocità”, l’amaro commento di un altro sindaco ‘escluso’, Michele Abbaticchio, referente regionale del partito.

La segnalazione di Itc, peraltro, arriva all’indomani dell’annunciazione di un’altra battaglia da parte del partito, quella contro il decreto sul federalismo fiscale che, con un meccanismo iniquo, danneggerebbe sostanzialmente i comuni del sud Italia. Capofila di questa iniziativa, il comune di Altamura, con il suo presidente locale Nicola Natuzzi che, anche su questa vicenda, ha avuto modo di dire la sua: “Sono certo che se studiassimo i criteri con cui vengono ripartite le risorse, ci accorgeremo che, in molteplici ambiti, si cerca il modo di favorire i territori più ricchi, con espedienti variegati”.

Allo studio degli amministratori, ora, un documento da inviare al Viminale perché motivi le ragioni alla base del provvedimento ed, eventualmente, riveda la propria decisione in termini di maggiore equità.

Photo: Pizzarotti, Carlucci, Abbaticchio

Commenti