Autonomia differenziata: “Serve unire le forze per manifestare la contrarietà al provvedimento” ItC torna sulla questione ‘regionalismo’ con tre proposte

0
218

Non c’è altro tempo da perdere e serve unire le forze. Questi i due imperativi di Italia in Comune Puglia sulla questione ‘regionalismo differenziato’ sulla quale i referenti di partito hanno già avuto modo di manifestare la propria contrarietà, definendo il provvedimento “altamente lesivo del principio di uguaglianza sociale”. Adesso, arriva dai referenti di partito l’esortazione a una mobilitazione trasversale di tutte le forze politiche e sociali, per scongiurare che si perfezioni un iter che cambierebbe, in peggio per il meridione d’Italia, l’assetto nazionale.

A tornare sull’argomento è Davide Carlucci che, insieme al grido di allarme, lancia una proposta articolata in tre punti: in primis, l’istituzione di una commissione parlamentare sulla coesione nazionale nella quale si possano valutare gli squilibri territoriali, quindi la concessione di una autonomia più centrata sui Comuni ed, in ultimo, un piano di assunzioni temporanee nella pubblica amministrazione.

E’ stato lo stesso presidente provinciale per Bari a illustrare il suo suggerimento: “occorre una considerazione analitica del divario esistente non solo fra Nord e Sud ma anche fra Comuni montani in via di spopolamento, quelli delle aree deindustrializzate, quelli dell’entroterra o delle aree più ricche del Paese con un organismo parlamentare che avvii tale controllo e monitori i dati. Quindi, per quanto concerne l’autonomia, ipotizzare una sorta di meccanismo premiale incentrato sugli Enti locali, che ‘gratifichi’ quelli virtuosi e penalizzi i municipi spreconi e inefficienti, di modo che la redistribuzione delle risorse avvenga sulla scorta della definizione dei livelli essenziali delle prestazioni ma anche di requisiti di merito e non, come accaduto in questi anni, con finanze ingiustamente sottratte in modo più accentuato ai Comuni del Sud. In ultimo, un piano di assunzioni che si ponga in parte anche come alternativa al reddito di cittadinanza: assumere un disoccupato mediante concorso, magari con una quota riservata se possibile ai redditi bassi, anche temporaneamente per lavorare nella pubblica amministrazione, per la manutenzione del territorio o per la progettazione in ambito urbano, è molto più produttivo che regalare uno stipendio a chi sostanzialmente non deve fare nulla e mettersi a disposizione per offerte che lavoro che difficilmente arriveranno. Su questo tema, reputo che l’esperienza del ‘reddito di dignità’ pugliese si è rivelata molto più concreta, in quanto ci ha consentito di avere squadre di operai a disposizione per la cura del verde. Rei e RdC, invece, stanno alimentando un pericoloso parassitismo”. “L’esortazione è, insomma, che anche altre forze politiche si rendano conto di quanto dannosa potrebbe essere la concessione ad alcune regioni dell’autonomia cosiddetta ‘differenziata’ e facciano squadra con noi su un tema su cui Italia in Comune Puglia sta conducendo una battaglia sin dalla primissima ora”, le parole del coordinatore regionale di Italia in Comune Puglia, Michele Abbaticchio. Si è stimato che, solo per la nostra regione, si attesterebbe una riduzione nel gettito statale di quasi 700 milioni di euro”, ha continuato, ricordando le attività che, già da tempo, il partito ha messo in campo per manifestare la propria contrarietà al provvedimento:“il nostro provvedimento con il quale si chiede di impugnare davanti alla Consulta alcuni parti del decreto sul federalismo fiscale che, di fatto, metterebbero in difficoltà operativa gli Enti locali, è già atto ufficiale in alcuni Comuni, nei quali abbiamo anche avviato un ricomputo dei dati indicanti il  fabbisogno standard in particolare per i servizi Sociale, Istruzione e Asili nido, scoprendo gravi anomalie rispetto al quadro costituzionale ed in tantissimi Comuni stiamo procedendo con un’azione di sensibilizzazione ed educazione, anche mediante l’ascolto di referenti autorevoli come accaduto con lo scrittore Marco Esposito, già ospite ad Altamura e a Giovinazzo. Un bel segnale da parte degli altri referenti politici d ogni livello potrebbe essere, ora, quella di lasciare sola quella formazione politica che sostiene la proposta. Quel partito che, insomma, da sempre fa leva sui temi della dis-unione e della disgregazione”.

Commenti