IL VERO SOGNO E’ ITALIANO

    69

    In queste interminabili settimane di emergenza sanitaria, molti di noi hanno vissuto periodi drammatici; a causa della malattia in primis, non meno per il conseguente disagio economico venutosi a creare. Insomma un tempo non certo facile da gestire. Padri e madri di famiglia stremati, giovani speranzosi, tutt’oggi, in vista di una ripresa che a quanto pare tarda a venire. La storia
    insegna, che determinate condizioni alterano per sempre il corso degli eventi, da ogni punto di vista. Come dire, arriva il dramma è le certezze non sono più tali. Oggi difatti con il timore, di una possibile seconda ondata, molti progetti restano ancora nel cassetto. Ma voltiamo lo sguardo indietro; come eravamo?
    Gli Italiani hanno mostrato il lato più bello e straordinario, la creatività, il volersi bene. Essere solidali persino tra un balcone e una finestra. Cantare con spirito patriottico; alzare il morale a chi ha perso il sorriso; fare del bene.
    Questa è la nazione che emersa durante uno dei momenti storici peggiori degli ultimi anni. Tutto ciò dimostra che siamo persone straordinarie capaci di adattarsi è fare anche di una situazione poco facile, un nuovo punto di svolta.
    Che dire poi di questo bellissimo sole che rende i luoghi della nostra Italia, carichi di splendore? Siti ripresi dall’altro durante i giorni del lockdown hanno mostrato città vuote, ma hanno donato al mondo la loro bellezza intatta. Un sogno irreale dove ogni cosa è superlativa. Viviamo indubbiamente nel posto più bello del pianeta. Spesso ascolto nei tg fatti che accadono in altri luoghi
    della terra; cose che fanno rabbrividire. Non è di certo un’invettiva contro altre nazioni; tutt’altro; sto semplicemente narrando quello che riportano le cronache, quotidianamente. Tengo a sottolineare tuttavia, che qui da noi, i sogni possono ancora prender vita. Abbiamo un cuore grande, una dignità meravigliosa, un paese letteralmente al pari di un’immensa opera d’arte. La
    storia accarezza i nostri sguardi ogni istante, imprimendo nelle nostre menti quantità di conoscenza che altri possono solo ammirare dai libri o tramite una ono fiero di essere nato qui. La sera i giochi di luce, nei paesaggi unici e incantevoli della nostra penisola, fanno emergere stati d’animo unici; esperienze che ammaliano i sensi. Ora comprendo i nostri poeti e letterati. Come non si può essere innamorati della nostra Italia? Le spiagge che abbiamo sono davvero uniche al mondo è non hanno nulla da invidiare a quelle caraibiche. La cucina, l’accoglienza, la cultura sono prerogative che contraddistinguono il nostro popolo da secoli. E’ vero che ci sono tante sfide da superare in questo periodo, ma possiamo ritenerci, indubbiamente, la più grande civiltà del mondo.
    Vincenzo Naturale

    Commenti