La “Luce della Pace di Betlemme” alla Parrocchia di San Giuseppe Artigiano.

189

Da sabato 18 dicembre scorso, in più di 90 stazioni ferroviarie della Penisola e con staffette partite da Trieste nella notte di venerdì 17, viene consegnata dagli Scout la fiammella che proviene dalla lampada ad olio sempre accesa nella Grotta della Natività. 

Ormai da 25 anni a questa parte, gli esploratori di tutte le associazioni l’hanno portata ovunque, anche nelle carceri, nei campi nomadi, negli eremi e nei luoghi dell’emarginazione.

Gli Scout cercano di consegnare questo messaggio ovviamente anche nella quotidianità, in particolar modo  a chi è in difficoltà per vivere meglio e sentire il Natale.

La lanterna della Luce, all’arrivo a San Severo alle ore 17:00 di sabato, è stata accolta dai Gruppi Scout locali: Assoraider San Severo 1, Agesci San Severo 1, San Severo 3, Torremaggiore 1, Torremaggiore 2 e  Lesina 1, per poi proseguire con un momento di preghiera presso le Parrocchie di Croce Santa, San Bernardino, l’Oratorio Salesiano in San Severo e presso le rispettive sedi scout della Provincia e della Diocesi, dove sarà possibile attingere a questa lampada e fermarsi in preghiera.

La sera di martedì 21 dicembre, durante la celebrazione della Novena di Natale, la Parrocchia di San Giuseppe Artigiano della nostra città,  ha accolto la Luce della Pace di Betlemme tramite il Gruppo Scout AGESCI Torremaggiore 1. 

È stata una celebrazione molto suggestiva e profonda, dove il Capo scout convenuto ha spiegato ai fedeli il significato e il fine della fiamma accesa nella Grotta della Natività.

Don Federico Ferrucci, anche con questo significativo evento, ha dato modo ai fedeli della Parrocchia di avvicinarsi ulteriormente econ grande spiritualità al momento natalizio ormai imminente. 

Sarà questa, purtroppo, una delle ultime iniziative promosse dal nostro amatissimo sacerdote, il quale per voleri superiori, come ormai tristemente noto a tutti, dopo circa un anno di proficua eintensa attività comunitaria, dovrà lasciare la parrocchia per altri incarichi. 

Enrico Maggio

Commenti