San Severo, un’estate inclusiva

0
25

Alcune semplici iniziative per rendere l’estate inclusiva

Di: Vincenzo Naturale

Per tradizione finanche in riferimento ad una questione puramente climatica, genti di molte città soprattutto ad Agosto in modo particolare la settimana che vede ognuno seppur in modo diverso scevro da impegni, tendono a raggiungere le località di mare, montagna qualsivoglia. Generando così uno spopolamento di taluni centri urbani cui peculiarità non rispecchiano determinati requisiti, per affrontare con maggior enfasi suddetto torrido periodo. Inutile sottolineare quanto sia demotivante per chiunque costretto in loco, affrontare giornate non proprio entusiasmanti. Ragion per la quale il sottoscritto in veste di semplice cittadino cui stanno a cuore i residenti di San Severo, avrebbe ipotizzato alcune proposte per cercare di mitigare quanto illustrato, dunque favorire l’inclusione estiva. Oltre quanto interpretato dalla testata in oggetto, con delle eccellenti idee. Si potrebbe tentare come prima cosa di stampare magliette o capellini da distribuire alla popolazione gratuitamente per pubblicizzare l’evento, il tutto cercando degli sponsor, magari chiamando questa serie di proposte Ferragosto days meglio ancora abbreviato f-days interpretando più che altro un messaggio incoraggiante (f come ferragosto, forza, fiducia, fratellanza). Fatto ciò passo successivo puntare a eventi come quartieri aperti, con organizzazione giochi e tornei di pallone, tra i residenti degli stessi oppure tavolate serali, anche nel caso delle partite, per stare tutti in compagnia almeno al tramonto. Sconti per coloro che la Domenica o comunque nella settimana di Ferragosto acquistano dagli esercenti locali un gelato artigianale. A favore dei pensionati over 75 quanto detto direttamente a domicilio attraverso un distributore locale. Bibite e frutta fresca nei punti nevralgici della città, elargite all’ombra in gazebi della sosta installati per affrontare la calura dunque favorire il rientro a casa di anziani o mamme con bimbi piccoli a seguito. Serate itineranti gli eventi delle città limitrofe, con pullman senza costo alcuno per chi a ragion veduta impossibilitato. Mattinate al mare il fine settimana con la stessa modalità di trasporto in supplemento a un bonus ombrellone. Spettacoli serali a favore dei turisti e non solo, per allietare la permanenza in città. Visite al convento di San Matteo con l’intento di beneficiare d’aria e clima maggiormente gradevoli, pur sempre con mezzo preordinato. Artisti di strada altresì volontari che diffondono allegria e spensieratezza. Premi per i quartieri virtuosi e balconi ben addobbati con decorazioni che richiamino il periodo estivo. Una serata di accoglienza per celebrare tutti gli emigrati sanseveresi che giungono in città per trascorrere le vacanze. Carissimi lettori quanto illustrato a titolo puramente divulgativo, fine ultimo nuove idee per sviluppi futuri.