fbpx
16.9 C
San Severo
giovedì, Dicembre 8, 2022
HomeCommissioni bancomat meno costose via libera dal governo ma commercianti scettici

Commissioni bancomat meno costose via libera dal governo ma commercianti scettici

Data:

Pubblicità

L’Italia, su impulso dell’Ue, riduce le commissioni interbancarie sui pagamenti elettronici come bancomat e carte di credito. Ma il provvedimento del consiglio dei ministri trova qualche scet­ticismo fra le associazioni dei commer­cianti, che sottolineano come non ci siano tagli diretti a carico delle imprese.
Lungi dal toccare il nodo politicamente caldo delle sanzioni per gli esercizi com­merciali che rifiutano il pagamento tra­mite pos – l’attuazione sarebbe arenata al ministero dell’Economia e dunque rimane un obbligo senza sanzioni, disapplicato – il decreto legge dà un taglio sostanziale alle commissioni interbancarie, di fatto uni­formandosi ai dettami europei che finora erano ampiamente sforati. Si passa da una media dello 0,50% a un tetto dello 0,20% del valore della transazione per carte di debito e prepagate, e da una media dello 0,70% a un tetto dello 0,30% per le carte di credito. Le commissioni sono solo una parte della catena dei costi e «non riguarda le com­missioni pagate dagli esercenti che accet­tano pagamenti con il pos. L’intervento non riguarda dunque direttamente gli utenti finali e si rivelerà un fatto positivo solo se il beneficio si trasmetterà alle imprese e ai consumatori». Resta il fatto – come spiega Sergio Boccadutri, deputato Pd responsa­bile per rinnovazione e relatore in com­missione finanze per il provvedimento – che le banche non potranno più appellarsi agli alti costi sul canale interbancario. E soprattutto che la maggior concorrenza dovuta a prestatori non bancari di servizi dovrebbe mettere sotto pressione i prezzi, a vantaggio dei consumatori. «Le commis­sioni interbancarie sono i due terzi dell’in­tera commissione», sottolinea Boccadutri.

 

Commenti

Pubblicità