fbpx
More
    HomeRosa Caposiena: “la Capitanata ha bisogno di madri-lavoratrici, famiglie più serene e...

    Rosa Caposiena: “la Capitanata ha bisogno di madri-lavoratrici, famiglie più serene e maggiori servizi a sostegno ”

    Pubblicato

    Da alcuni anni i dati statistici parlano di una sempre minore natalità a Sud e di donne che dopo il primo figlio lasciano il lavoro a causa dell’assenza di servizi sul territorio che rendono impossibile o economicamente dispendioso conciliare il lavoro con le esigenze di cura dei figli. Non possiamo tornare indietro di cinquant’anni le aziende del territorio hanno bisogno della professionalità e creatività delle donne”.

    È quanto afferma Rosa Caposiena, candidata alla Camera per Forza Italia.

    Il nostro partito – spiega Rosa Caposiena – ha sempre guardato alla famiglia come primo e fondamentale nucleo della società. Per questo ci impegneremo per un piano straordinario per la natalità con asili nido gratuiti e consistenti assegni familiari più che proporzionali al numero dei figli. Andremo inoltre ad inserire un quoziente familiare e a tutelare il lavoro delle giovani madri”. Secondo la candidata azzurra che nel suo impegno amministrativo negli ultimi anni ha avuto modo di confrontarsi con i servizi del territorio e le esigenze delle famiglie, specialmente in Capitanata è tanto il lavoro che occorre svolgere per offrire servizi e opportunità alle donne, alle madri e alle lavoratrici. Nel programma del leader azzurro Silvio Berlusconi infatti spicca la difesa delle pari opportunità e la tutela delle donne con riconoscimento pensionistico a favore delle madri.

    Permettere alle mamme casalinghe di ottenere una pensione di mille euro al mese – aggiunge Caposiena – è un riconoscimento importante per quelle donne, tra cui le nostre madri, che hanno dovuto scegliere tra le proprie ambizioni e la crescita dei propri figli.

    Occorre recuperare la famiglia come supporto educativo della comunità, fulcro inamovibile, per evitare il bullismo, dispersione scolastica e la microcriminalità e questo lo potremo fare solo puntando sul pilastro della famiglia e quindi dando sostegno e servizi alle donne e madri che hanno questo difficile compito”.

    Commenti
    - Advertisement -

    Ultimi Post

    San Severo, villa comunale: e queste sarebbero panchine?

    Siamo in grado di mostrarvi in anteprima le nuove panchine della villa comunale di...

    Tricarico: l’assessore Romano chieda scusa anche per gli errori grammaticali.

    Questa è la città in cui un Assessore, anziché chiedere scusa ai cittadini per...

    Adesso l’assessore Romano se la prende anche con Don Dino.

    Incredibile, ma vero.Don Dino Daloia nei giorni scorsi sulla sua pagina fb ha denunciato...

    Segnalazioni….agricole

    In questo spazio abbandonato di un albero non curato, perché aveva bisogno di manutenzione,...

    Potrebbe interessarti

    San Severo, villa comunale: e queste sarebbero panchine?

    Siamo in grado di mostrarvi in anteprima le nuove panchine della villa comunale di...

    Tricarico: l’assessore Romano chieda scusa anche per gli errori grammaticali.

    Questa è la città in cui un Assessore, anziché chiedere scusa ai cittadini per...

    Adesso l’assessore Romano se la prende anche con Don Dino.

    Incredibile, ma vero.Don Dino Daloia nei giorni scorsi sulla sua pagina fb ha denunciato...