fbpx
More
    HomeComunicatiMovimento Consumatori Puglia /RITARDI DELLA GIUSTIZIA ITALIANA.

    Movimento Consumatori Puglia /RITARDI DELLA GIUSTIZIA ITALIANA.

    Pubblicato

    Studio Legale Casale

    Dice un vecchio detto: la Giustizia è lenta ma inesorabile! Purtroppo, sempre più spesso accade che un procedimento giudiziario anche di modesta entità, ci porta via anni e anni di udienze con rinvii eccessivamente lunghi, avvicendamento dei giudici diversi nel medesimo giudizio, disfunzioni dell’organizzazione giudiziaria tali da impedire ai giudici, per sovraccarico di lavoro, di assolvere in tempo ragionevole le loro funzioni e non per ultime le lungaggini varie dovute alla farraginosa burocrazia italiana. MA IL CITTADINO HA IL DIRITTO A RICHIEDERE ALLO STATO UN’ EQUO COMPENSO IN CASO DI UNA SENTENZA SIA FAVOREVOLE CHE CONTRARIA, RICEVUTA OLTRE IL TERMINE DI SEI ANNI ?
    CERTO CHE SI’ !!! La Legge n.89 del 24.03.2001 “Legge Pinto” Fornisce il diritto alle parti processuali “attore e convenuto” (sia parte vincitrice che parte soccombente) di ottenere una equa riparazione in caso di violazione del termine ragionevole del processo per aver patito un danno patrimoniale o non patrimoniale riconducibile al danno alla persona che si concretizza nel danno da “stress”, direttamente derivante dallo stato di incertezza ed ansia circa l’esito del processo protrattosi per un periodo di tempo eccessivamente lungo e che prescinde dall’esistenza di un pregiudizio economico, in quanto secondo i criteri determinati dalle sentenze della Corte Europea dei diritti dell’Uomo, in genere, la durata di un procedimento deve considerarsi non ragionevole se supera i tre anni in primo grado, i due anni in secondo grado e un anno in Cassazione (in tutto sei anni). Inoltre, il risarcimento non è riservato soltanto ai cittadini italiani, ma anche agli stranieri che subiscano una lungaggine processuale nel territorio italiano.

    COSA SI PUO’ OTTENERE?
    Superati, quindi, sei anni complessivi di durata del procedimento, la Corte di Strasburgo considera come “eccessivo” il tempo decorso ed il giudice liquida a titolo di equa riparazione, di regola, una somma di denaro non inferiore a euro 400 (prima erano 500 euro) e non superiore a euro 800 (prima erano 1500 euro) per ciascun anno, o frazione di anno superiore a sei mesi, che eccede il citato termine ragionevole di durata del processo.

    Per saperne di più: Movimento Consumatori Puglia
    puglia@movimentoconsumatori.it Tel.338.7979600

    Commenti
    - Advertisement -

    Ultimi Post

    San Severo: ventitrenne stroncato da un malore durante una partita.

    Purtroppo ieri sera un nostro giovane concittadino, Filippo Cardillo, è morto a seguito di...

    INCIDENTE MORTALE SULLA SS16.TRE SANSEVERESI LE VITTIME.

    Oggi pomeriggio alle ore 16 circa tre sanseveresi hanno perso la vita in un...

    Orrore a San Severo: vermi nella pasta servita ai bambini nella mensa scolastica.

    A denunciarlo oggi è  stata la dirigente scolastica dott.ssa Angela Corvelli del Circolo Didattico “San...

    Il Natale: un’occasione vantaggiosa per la città di San Severo

    Queste proferite sono semplici idee, nulla più, ideate dal sottoscritto a titolo puramente illustrativo....

    Potrebbe interessarti

    San Severo: ventitrenne stroncato da un malore durante una partita.

    Purtroppo ieri sera un nostro giovane concittadino, Filippo Cardillo, è morto a seguito di...

    INCIDENTE MORTALE SULLA SS16.TRE SANSEVERESI LE VITTIME.

    Oggi pomeriggio alle ore 16 circa tre sanseveresi hanno perso la vita in un...

    Orrore a San Severo: vermi nella pasta servita ai bambini nella mensa scolastica.

    A denunciarlo oggi è  stata la dirigente scolastica dott.ssa Angela Corvelli del Circolo Didattico “San...