fbpx

Web Tax: si farà ma nel 2019

A settembre l’Unione Europea ha dato luce verde alla Web Tax. Gli unici pareri negativi sono giunti da Irlanda, Lussemburgo e Malta, paesi che hanno tutto l’interesse nel preservare l’incolumità delle grandi corporation radicate nei loro territori per una questione di opportunismo fiscale. Ma questo poco importa, poiché in sede istituzionale si è deciso che ogni singolo Paese può procedere autonomamente. L’Italia si è schierata fin da subito tra i Paesi intenzionati a dare filo da torcere ai paradisi fiscali con l’obiettivo di riportare a casa quanto fiscalmente dovuto. E
l’ha fatto portando avanti la proposta di un modello di tassazione dei profitti che consideri dove questi vengono generati e non invece dove l’azienda ha il proprio domicilio fiscale. Questo principio è alla base dell’emendamento presentato da Massimo Mucchetti e accolto dal Senato. L’emendamento prevede sostanzialmente l’applicazione di un’imposta del 6 per cento sui ricavi derivanti da servizi o beni di natura digitale. L’imposta andrà a colpire i grandi gruppi internazionali che operano nel nostro Paese, ma anche le aziende minori ad esclusione di imprese agricole, di
soggetti che hanno aderito al regime forfettario e dei “minimi”. Il prossimo appuntamento è atteso per il 30 aprile 2018 con l’emanazione del relativo decreto da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze che dovrà chiarire quali siano le prestazioni di servizi da tassare con l’aliquota del 6 per cento.

Altro che potrebbe interessarti

San Severo: bomba nella notte.

Ancora un atto criminale nella nostra citta’. La scorsa notte verso le ore 04:15 in via Morgagni,...

San Severo, chiusa “per furti” la scuola Andrea Pazienza.

È di pochi minuti fa la notizia che la scuola André Pazienza in via Lucera è stata...

“Sopravvivere all’inferno: la mia battaglia contro le molestie sul...

Sono stanca di subire. 😡 Questo è il secondo anno che ricevo molestie sul lavoro da parte...