fbpx

Chieti/ Uno studente di 21 anni di Vieste muore in casa all’improvviso

È morto in casa all’improvviso. Pasquale Vaira, studente universitario, 21 anni, di Vieste, è stroncato ieri sera da un malore in un condominio di viale Unità d’Italia, a Chieti scalo, zona Madonna delle Piane. A lanciare l’allarme sono state la sorella e una ragazza che vivevano con lui nell’appartamento a due passi dall’ateneo d’Annunzio. In base alle primissime informazioni, le giovani hanno sentito dei rantoli provenire dalla camera del ragazzo: quando sono arrivate nella stanza, il ventunenne era sdraiato sul letto, già privo di conoscenza. La telefonata al 118 è partita subito. Sul posto è stato tempestivo l’intervento dell’ambulanza. I sanitari hanno tentato di rianimarlo in tutti i modi, per un’ora, ma non c’è stato niente da fare. Nell’appartamento sono arrivati i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile e della stazione di Chieti scalo. “Dopo le otto, all’improvviso, ho sentito delle grida provenire dalla strada – racconta un commerciante -. Sono uscito e ho visto una ragazza che si disperava. Poi abbiamo saputo quello che era successo: è una tragedia”. Una tragedia senza fine per i genitori, i parenti e gli amici del giovane studente della facoltà di Scienze motorie. Il pm di turno ha restituito la salma ai famigliari, distrutti dal dolore, arrivati in nottata a Chieti. La notizia della morte del ragazzo, che – secondo le prime notizie – non soffriva di alcuna patologia, ha sconvolto gli ambienti universitari.

Gianluca Lettieri
Il messaggero

Altro che potrebbe interessarti

San Severo, chiusa “per furti” la scuola Andrea Pazienza.

È di pochi minuti fa la notizia che la scuola André Pazienza in via Lucera è stata...

“Sopravvivere all’inferno: la mia battaglia contro le molestie sul...

Sono stanca di subire. 😡 Questo è il secondo anno che ricevo molestie sul lavoro da parte...

Incidente con botti di Capodanno a San Severo: Gravi...

Un uomo di 47 anni ha subito l'amputazione di quattro dita a causa delle ferite causate dall'esplosione...