fbpx
More
    HomeCannabis terapeutica, Blasi. “I soliti disagi per i pugliesi. Inaccettabile ritardo della...

    Cannabis terapeutica, Blasi. “I soliti disagi per i pugliesi. Inaccettabile ritardo della Giunta per l’attuazione della legge regionale”

    Pubblicato

    “E’ notizia di queste ore l’indisponibilità di farmaci cannabinoidi (FM2 e Bedrobinol), su prescrizione medica, presso il centro farmaceutico autorizzato dalla ASL- Lecce. Siamo alle solite, sono passati ormai più di quattro anni dalla legge regionale sull’utilizzo terapeutico della cannabis (12/2014), ma di fatto nulla è cambiato. Questo perché quella legge, da me proposta grazie al supporto dell’associazione LaPiantiamo di Racale e approvata dal Consiglio regionale, aspetta ancora l’emanazione dei decreti attuativi da parte della Giunta regionale, che su questo latita colpevolmente, lasciando di fatto a metà un percorso legislativo che meriterebbe più rispetto, non fosse altro perché di mezzo c’è il dolore e la dignità della persone.
    La legge regionale in questione prevede l’avvio di un progetto pilota per la coltivazione, la produzione e la distribuzione regionale di cannabis per finalità terapeutiche, nonché l’adozione di un disegno di legge per mettere in pratica l’intero articolato del 2014 a sostegno di un accesso adeguato ai farmaci. Un’architettura legislativa articolata e di forte concretezza, che da più di quattro anni proietta la Regione Puglia in una posizione di potenziale avanguardia a livello nazionale, salvo poi dover fare i conti con la solita, paludosa, mediocrità delle cose fatte a metà.
    Ancora una volta, purtroppo, la politica si dimostra lontana e inadeguata nel dare risposte davvero concrete a chi è in difficoltà, nel caso specifico, a chi chiede di poter comprare in farmacia il farmaco di cui ha bisogno. Ma non è solo questo il punto: perché acquistare farmaci su prescrizione a carissimo prezzo da paesi terzi? Perché non dare il via alla sperimentazione sull’autoproduzione? Perché non aprirci finalmente all’innovazione sociale? La legge 12/2014 risponde esattamente a tutto questo. E’ una questione di civiltà e buon senso. Virtù rare di questi tempi, ma a cui personalmente non intendo rinunciare. Anche per questo non mollerò la presa nei confronti del governo regionale, che non deve far altro che adempiere una legge completa e innovativa, votata all’unanimità dallo stesso Consiglio”./comunicato

    Commenti
    - Advertisement -

    Ultimi Post

    San Severo, villa comunale: e queste sarebbero panchine?

    Siamo in grado di mostrarvi in anteprima le nuove panchine della villa comunale di...

    Tricarico: l’assessore Romano chieda scusa anche per gli errori grammaticali.

    Questa è la città in cui un Assessore, anziché chiedere scusa ai cittadini per...

    Adesso l’assessore Romano se la prende anche con Don Dino.

    Incredibile, ma vero.Don Dino Daloia nei giorni scorsi sulla sua pagina fb ha denunciato...

    Segnalazioni….agricole

    In questo spazio abbandonato di un albero non curato, perché aveva bisogno di manutenzione,...

    Potrebbe interessarti

    San Severo, villa comunale: e queste sarebbero panchine?

    Siamo in grado di mostrarvi in anteprima le nuove panchine della villa comunale di...

    Tricarico: l’assessore Romano chieda scusa anche per gli errori grammaticali.

    Questa è la città in cui un Assessore, anziché chiedere scusa ai cittadini per...

    Adesso l’assessore Romano se la prende anche con Don Dino.

    Incredibile, ma vero.Don Dino Daloia nei giorni scorsi sulla sua pagina fb ha denunciato...